Devi ristrutturare il tuo appartamento? Ecco un idea creativa

casa brescia

Il progetto di Flussocreativo nasce dal desiderio di personalizzare un appartamento per una giovane coppia, situato all’ultimo piano di una palazzina degli anni ’90.

Come separare le funzioni tradizionali della cucina dal resto della casa, in particolare dalla zona living? Questa la prima sfida progettuale. Con il progetto Lodge, il duo di Flussocreativo ha ipotizzato una soluzione che ripropone una ‘casa dentro l’altra’ per separare il micro mondo della cucina dallo spazio adibito a soggiorno-pranzo.

Le due pareti che racchiudono la cucina, da un lato, ospitano un sistema di moduli contenitori, dall’altro, una struttura più aperta per accogliere libri, accessori e uno spazio promemoria rivestito con finitura lavagna, un piccolo desk completo di sgabello per consultare ricette dal web. I contrasti cromatici bianco-grigio amplificano la divisione dello spazio, pur lasciando un varco di collegamento tra funzioni diverse.

La zona living è definita da un elemento unico che dialoga con il camino a forma trapezoidale: un’isola capace di contenere tavolo divano e sedie, creando un mix di materiali fra tessuto, fibra polimerica e rovere naturale, cui si aggiunge la resina del pavimento. Due lampade a sospensione segnano una traccia nera, partendo dal soffitto, che diventa un piacevole gioco geometrico.

Il progetto si completa con la zona notte, che si distingue per uso del colore, arredi su misura, studio dell’illuminazione e pavimenti in legno naturale.

Fonte:
http://www.archiportale.com/news/2016/06/case-interni/appartamento-per-una-giovane-coppia-a-brescia_52600_53.html
Altre immagini sul progetto:
http://www.archilovers.com/teams/163135/flussocreativo-design-studio.html#projects

L’ufficio del futuro costruito in soli 17 giorni con la stampante 3D

edificio 3d

E’ stato inaugurato a Dubai il primo edificio stampato in 3D: l’ufficio del futuro.

Il prototipo è stato costruito in soli 17 giorni e costato in totale 140 mila dollari. E la notizia ha già fatto il giro del mondo.

Negli Emirati Arabi Uniti, si sa, sono molti gli appassionati delle prodezze tecnologiche che l’high-tech puo’offrire. Gli uffici, gli arredi e gli elementi strutturali sono stati realizzati con una particolare stampante, alta 6 metri e lunga 36, che si è avvalsa di un braccio robotico automatizzato per implementare il processo di stampa.

Tra i materiali utilizzati una miscela di cemento armato speciale, fibra di vetro rinforzata di gesso e plastica rinforzata con fibre, già testate nel Regno Unito e in Cina per l’affidabilità e la sicurezza strutturale.

L’iniziativa è parte del progetto Dubai 3D, che mira a rendere la città degli Emirati leader a livello mondiale della stampa in 3D. Entro il 2030 il 25 per cento di tutti i nuovi edifici dello stato saranno costruiti con questa tecnologia. ?

Il Comitato UAE nazionale per l’innovazione e lo sceicco Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, sono convinti che questa tecnologia possa migliorare l’efficienza e l’economia di Dubai, in linea con la strategia del paese che punta all’utilizzo della stampa 3D in tre principali settori: edilizia, prodotti medicali, e prodotti di consumo.

“Questo progetto riflette la visione della nostra leadership qui a Dubai. Siamo desiderosi di utilizzare le più recenti tecnologie per semplificare la vita delle persone e per servirli meglio.

Questo progetto fa parte di una strategia complessiva di innovazione per creare nuovi progetti e nuove soluzioni in materia di istruzione, sanità e le città. Il nostro obiettivo è quello di aumentare la felicità e il benessere dei nostri residenti e per aprire la strada nuove soluzioni per il mondo “, ha detto Mohammed Al Gergawi, Presidente del Comitato Nazionale per l’Innovazione UAE.

Che sia questa l’edilizia del futuro?

Non lo sappiamo ancora, ma sicuramente bisogna monitorare questi “segnali da futuro” che prima o poi diventeranno parte delle nostre vite…

 

Fonte: http://www.archiportale.com/news/2016/05/architettura/inaugurato-a-dubai-il-primo-edificio-stampato-in-3d_52177_3.html

 

IL RISANAMENTO DELL’INTONACO DI MURATURE IN LATERIZIO CON EVIDENZA DI PROBLEMI DI UMIDITA’ DI RISALITA CAPILLARE

Il problema:  Spesso per le pareti che si trovano al piano terra o sotto il livello del suolo si evidenzia il degrado della parte superficiale dell’intonaco. Spesso si evidenziano nella parte bassa bolle ed esfoliazione dello strato di pittura, e degrado dell’intonaco con sfarinamento. Subito dopo un intervento di ripristino
superficiale con nuova tinteggiatura, o dopo poco tempo quando si interviene in modo più invasivo con demolizione e rifacimento dell’intonaco con malte comuni a base cementizie, si ripresenta la stessa situazione di degrado. Per stabilire quale è il corretto intervento risolutivo è importante stabilire il tipo di problema. Vi sono differenti problemi di legati all’umidità sui muri come ad esempio condensazione.
Per stabilire se siamo difronte a umidità di risalita di seguito ecco alcune caratteristiche peculiari:
 la macchia è uniforme, e procede dal pavimento verso l’alto;
 il bordo della chiazza è ben definito, e di solito non supera l’altezza di un metro dal pavimento;
 la macchia persiste anche al variare delle condizioni climatiche e del tasso di umidità relativa;
 la presenza di efflorescenze saline  durante i periodi di elevata evaporazione ambientale.
Cause:
L’umidità di risalita è causata dalla presenza di falde acquifere nel terreno che è a contatto con le
parti dell’edificio. L’umidità presente nel sottosuolo può giungere alla base della muratura e, sfruttando il  principio della capillarità, salire attraverso la parete. Tale processo può essere agevolato dalla presenza di sali.
Molto spesso la causa deriva o da un’inadeguata impermeabilizzazione delle fondazioni, dal mancato  inserimento della barriera comunemente chiamata “guaina taglia-muro”.
Le soluzioni: Sono differenti le tecnologie commercio che il recupero edilizio fornisce. In questa fase illustriamo la metodologia  nella quale siamo più esperti:  l’impiego di intonaci evaporanti. Consiste nell’impiego di intonaci macroporosi che, grazie alla loro velocità di evaporazione, assorbono rapidamente
l’acqua dalla parete restituendola all’ambiente. Questo consente di avere una muratura umida ed eliminare quegli insalubri inestetismi dalle pareti per anni. Utilizziamo il ciclo completo di risanamento specifico di
malte certificate di compagnie leader come la Weber Saint Gobain. Il tutto sempre eseguito con il pieno rispetto delle specifiche, dei tempi e di tutti gli accorgimenti indicati nelle schede tecniche.
La stratigrafia d’intervento:
SLXLM

 

Rifacimento Completo dei Solai in struttura portante

Oggetto del lavoro: Rifacimento Completo dei Solai in struttura portante lignea presso la scuola materna San Giuseppe sita a Cagliari in Via San Giorgio 8.

Committente: Fondazione Istituti Riuniti di Ricovero Minorile Onlus

Stiamo eseguendo questo prestigioso e impegnativo lavoro in un edificio storico della nostra città. Infatti molti di noi (o addirittura i nostri genitori) da bambini hanno frequentato proprio questo famoso istituto. Il lavoro consiste nelle seguenti fasi:

1. Demolizione e smontaggio di controsoffitti;

2. Demolizione di pavimento di massetto;

3. Rimozione di tutte le strutture costituite in legno;

4. Realizzazione di solaio in legno lamellare;

5. Rivestimento solaio con realizzazione massetto e pavimento in gres porcellanato.

Ora i lavori sono arrivati alla fase 3.

Di seguito alcune foto:

IMG_3488      IMG_3481 IMG_3475IMG_3476 IMG_3477 IMG_3478 IMG_3479 IMG_3480  IMG_3482 IMG_3483 IMG_3484 IMG_3485

Bonus fiscale 30% settore alberghiero

Grazie al decreto del Ministero dei Beni Cluturali e del Turismo, è stato approvato un Credito di Imposta del 30% per ristrutturazione, riqualificazione e acquisto arredi.

 L’agevolazione è destinata alle strutture esistenti il 1 gennaio 1012 con almeno 7 camere, compresi alberghi, villaggi-albergo, residenze turistiche, alberghi diffusi, condhotel e marina resort.

Approfitta subito di queste agevolazioni.

Contattaci per una consulenza ed un preventivo gratuiti.

hotel@generalmultiservice.it

333 248 0957

Benvenuti sul Blog di General Multiservice

Siamo online con il nostro Blog Ristrutturazioni impermeabilizzazioni CagliariGeneral Multiservice dedicato ai nostri clienti fedeli e a tutti coloro che navigando entreranno in contatto con noi.

Aprire un blog interamente dedicato alla nostra azienda, rappresenta l’inizio di una nuova avventura, nella quale mettere a disposizione tutte le nostre conoscenze ma soprattutto ci offre l’opportunità di raggiungere chi non ci conosce, chi può trovare nella nostra realtà un interessante novità da scoprire.

Il nostro obiettivo è quello di raccontare il meglio della nostra azienda, offrire maggiori informazioni sui nostri servizi e rispondere ai commenti e alle richieste degli utenti web. Non esitate quindi a contattarci o richiedere approfondimenti, cercheremo di soddisfare al meglio e in tempi brevi le vostre richieste.

Scorrendo fra le pagine del nostro sito, troverete informazioni utili sulla nostra attività, le immagini della nostra location e gli indirizzi utili per raggiungerci via email, telefono o in sede.

Tutto lo staff di General Multiservice vi augura quindi una buona lettura